Articoli Riservati

Mini allevamento di Show Guppy

on . Postato in Articoli Riservati

Spesso gli acquariofili che si avvicinano al mondo degli Show Guppy, desistono dall'allevarli in selezione a causa della mancanza di tempo e di spazio! Ma seppur si potrebbe allevare questi guppy anche con l'ausilio di un paio di vasche, in questo articolo vorrei elencare cosa è necessario per realizzare un piccolo impianto di allevamento che sia facile da gestire e che rimanga "economico" da mantenere e realizzare.

Innanzitutto partiamo dal presupposto che questo "mini impianto" sarà realizzato per allevare, riprodurre e selezionare una sola varietà di guppy show partendo però da 2 linee di selezione, quindi 2 trii (2 maschi e 4 femmine) non consanguinei.

Da ora nomineremo il primo trio come TRIO A e il secondo come TRIO B che saranno la parte apicale del nostro futuro "albero genealogico". Ricordo che in un allevamento di guppy show è fondamentale registrare ogni cosa che accade (data di nascita, vasche ecc.).

 

Iniziamo con le vasche da riproduzione

Ce ne serviranno 2 dove ospiteremo perennemente il TRIO A e il TRIO B poi ce ne occorreranno 4 altre dove faremo partorire le femmine. Le dimensioni di queste vasche dovranno essere di circa 10-12 litri e siccome bisogna pensare alla praticità di pulizia e al fattore riscaldamento/coibentazione, realizzeremo delle vasche da 100 x 30 x 25 cm suddivise in 6 scomparti dove ogni scomparto sarà di 16 x 30 x 25 cm (12 litri).

in questa sezione dell'allevamento le vaschette verranno contrassegnate con i numeri 1, 2, 3, 4, 5 e 6. Le vasche 1 e 2 ospiteranno rispettivamente il TRIO A e il TRIO B, i maschi non verranno mai spostati mentre le femmine 4 giorni prima del parto verranno spostate nelle sale parto posizionate nelle vasche 3, 4, 5 e 6. Ogni femmina avrà sempre la sua "vasca da parto" dove ogni mese tornerà per partorire.

Faccio un esempio di "rotazione dei riproduttori":

01 gennaio immissione del TRIO A in vasca 1  e del TRIO B in vasca 2 ...

25 gennaio immissione delle 2 femmine del TRIO A, singolarmente nelle vasche parto 3 e 4, e immissione delle 2 femmine del TRIO B, singolarmente nelle vasche 5 e 6.  entro il 30 gennaio le 4 femmine partoriranno.

(le femmine vanno messe in dei contenitori in rete in modo che gli avannotti possano cadere liberi nella vasca)

 

il 31 gennaio le femmine ritorneranno nelle loro rispettive vasche da riproduzione 1 e 2 .

Gli avannotti nati, rimarranno nelle vasche 3, 4, 5 e 6 per circa un mese sino a quando le femmine riproduttrici saranno nuovamente pronte a partorire. Quel giorno (es.28 febbraio) gli avannotti oramai cresciuti un po, verranno spostati nelle vasche di accrescimento, mentre le femmine riproduttrici torneranno a partorire.

 

Vasche da Accrescimento

In questi acquari bisognerà tenere gli avannotti fino alla taglia adulta per poterne selezionare i migliori da mettere in riproduzione. avranno una capienza di 45 litri ciascuno e sempre per i motivi di pulizia, riscaldamento e coibentazione, costruiremo una vasca da 100 x 45 x 45 cm suddivisa in 4 vasche da 25 x 45 x 45 cm.

Ci occorreranno 3 di queste vasche e ogni scomparto lo nomineremo rispettivamente: AM1, AF1, BM1, BF1 - AM2, AF2, BM2, BF2 - AM3, AF3, BM3, BF3. Questo perchè nella prima vasca, la prima sezione AM1 sarà destinata ai maschi nati dal TRIO A, la seconda sezione AF1 alle femmine nate dal TRIO A, nella terza sezione ai maschi nati dal TRIO B e nella quarta sezione alle femmine nate dal TRIO B, questi saranno gli avannotti di un mese spostati dalle "vasche parto" 3, 4, 5 e 6. Chiaramente gli avannotti appena spostati, che avranno quasi un mese di età non saranno distinguibili, quindi pian piano andremo a separare i sessi nelle 2 vasche apposite.

Ecco l'esempio pratico dello spostamento riagganciandomi al precedente:

28 febbraio gli avannotti della vasca 3 verranno spostati nella vasca AM1, gli avannotti della vasca 4 nella vasca AF1, gli avannotti della vasca 5 nella vasca BM1 e gli avannotti della vasca 6 nella vasca BF1.

Successivamente verranno spostati i maschi della vasca AF1 nella vasca AM1 e le femmine della vasca AM1 nella vasca AF1... stessa cosa per le vasche BM1 e BF1.

Quando gli avannotti del secondo parto saranno pronti per essere trasferiti nelle vasche da accrescimento (più o meno attorno al 26 marzo), si immetteranno nella seconda vasca da accrescimento che ha le sezioni AM2, AF2, BM2, BF2 ancora libere... così accadrà anche per gli avannotti nati dal terzo parto, che verranno immessi nella terza vasca da accrescimento che ha le sezioni AM3, AF3, BM3, BF3.

Verso fine Maggio i primi avannotti nati saranno già abbastanza cresciuti per la selezione quindi verranno scelti i migliori per la riproduzione e gli ultimi avannotti nati prenderanno il loro posto nelle vasche AM1, AF1, BM1, BF1.

Ecco una foto di una vasca multipla:

 

Fino ad ora abbiamo parlato di come realizzare le vasche ma non dell'attrezzatura tecnica da utilizzare... Bene, tenendo sempre presente che bisogna pensare al risparmio sia sull'acquisto degli accessori che sul mantenimento, consiglio di utilizzare filtri ad aria azionati da un unico areatore o più areatori che vanno a servire 4 filtri ciascuno.

Riguardo il riscaldamento dovremo mantenere i 26 °C nelle vasche da riproduzione, ma per l'accrescimento serviranno temperature più alte quindi innanzitutto bisognerà evitare la dispersione del calore, coibentando tutte le vasche con delle lastre in polistirene dello spessore di almeno 2cm. queste andranno ritagliate e incollate sul vetro di fondo, posteriore e laterale. Come copertura dell'acquario usate le lastre in policarbonato alveolato (quelle che si usano per le serre) che grazie alla loro camera d'aria interna, mantengono meglio il calore nella vasca. Purtroppo il vetro frontale ci servira a vista quindi non potrà essere coibentato.

 

Utilizzeremo dei riscaldatori di qualità da 25 w per le vasche da riproduzione, mettendone 3 a vasche altrne (quindi nelle vasche 1,3 e 5).. per conduzione scalderanno le altre. Nelle vasche da accrescimento utilizzeremo riscaldatori da 50-75 w e anche quì li alterniamo mettendone uno nella vasca AM1 e un'altro nella vasca BM1.

In totale verranno utilizzati 3 riscaldatori da 25w e 6 riscaldatori da 50-75w.

Come illuminazione conviene utilizzare una piccola plafoniera a led da 10 watt che in realtà produce 108w di irradiazione luminosa.

Riguardo al risparmio energetico vi rimando all'articolo dedicato all'impiant fotovoltaico per piccoli allevamenti, che troverete sempre in questo sito!

 

Autore: Salvatore Greco

 

è severamente viatata la riproduzione anche parziale di foto e contenuti di questo articolo, salvo preventiva autorizzazione scritta da parte dell'autore!

 

 

 

CONTATORE VISITE

Oggi69
Ieri90
Settimana243
Mese1027
Totale132265

Mercoledì, 13 Dicembre 2017 20:33

Chi è online

Guests : 3 guests online Members : No members online
Powered by CoalaWeb

Che Tempo Fa

iinitial-scale=1, minimum-scale=1, width=device-width

Video Chat

, age